Venerdì 16 febbraio è nata nel Lazio la Rete di Imprese “Ecobuild Innova”

Venerdi 16 febbraio è nata nel Lazio la Rete di Imprese “Ecobuild Innova”; a costituirla sono stati l’Icie-Istituto Cooperativo per l’InnovazionE (ICIE), la Cooperativa Costruzione Montaggio e Servizi (CCMS) con sede legale in Civitavecchia, la Cooperativa Lavoratori Elettrici Romani (CLER) e la Cooperativa Romana Infrastrutture Edilizia Civile (CRIEC), entrambe queste due ultime con sede legale in Roma. All’insegna della sostenibilità, Ecobuild Innova si propone di sostenere con le proprie capacità di innovazione, progettazione e realizzazione l’impegno del nostro Paese in varie aree, prioritariamente in questa fase verso l’adozione di fonti energetiche rinnovabili, verso l’efficientamento energetico per quanto riguarda gli edifici pubblici e privati, nel miglioramento del recupero e smaltimento dei rifiuti nell’ottica del pacchetto europeo della economia circolare, nella promozione della rigenerazione urbana.

Ciascuna delle cooperative porta con sé un bagaglio di competenza e conoscenza distintive in tali campi.

ICIE – Istituto Cooperativo per l’InnovazionE, che lo scorso anno ha festeggiato 50 anni di vita, opera, anche attraverso il Consorzio RiCos con al suo interno il Laboratoro LarcoIcos, nella promozione dell’innovazione, sia quella disponibile nel mercato che accompagnando le imprese in progetti di ricerca finalizzati alla innovazione non ancora disponibile. Eroga servizi nei quali trasferische le conoscenze e le esperienze maturate nell’ambito di progetti di ricerca e sviluppo sperimentale.

CCMS si distingue per la sua expertise nella progettazione, fornitura e montaggio di carpenterie medio pesanti, nonché nell’ambito dei trattamenti e dello smaltimento dei rifiuti e della costruzione navale.

CLER, celebrando il quarantesimo anno di attività nel 2022, si occupa di progettazione, installazione e manutenzione di impianti elettrici, elettronici, di telecomunicazioni e di sicurezza.

CRIEC è attiva in un’ampia gamma di lavori edili, stradali, idraulici, elettrici, termici e di carpenteria metallica, tra gli altri.

La nascita di “Ecobuild Innova” rappresenta – ritengono i vertici delle quattro cooperative – un’importante iniziativa volta a unire le forze di importanti realtà del settore al fine di rispondere in modo efficace alle sfide ambientali e alle esigenze di sviluppo sostenibile del Paese. La rete mira a facilitare la diffusione e l’adozione di pratiche innovative, contribuento così a un futuro pià eco-compatibile e resiliente dal punto di vista infrastrutturale.

Comunità energetiche e Gruppi di Autoconsumo Collettivo

Comunità energetiche (almeno due edifici) e Gruppi di Autoconsumo collettivo (un solo edificio), finalmente ci siamo. Il 24 gennaio è entrato in vigore il decreto per promuovere le Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) in Italia.

Entro 30 giorni, il Ministero approverà le regole operative per gli incentivi, gestite dal GSE.

Il decreto prevede un contributo a fondo perduto fino al 40% dei costi esclusivamente per comunità energetiche in comuni con meno di cinquemila abitanti, finanziato dal PNRR, mentre per tutte è prevista una tariffa incentivante sull’energia rinnovabile a livello nazionale per la durata di venti anni per ogni intervento.

L’obiettivo nazionale totale è sviluppare cinque gigawatt di produzione di energia rinnovabile. Icie è pronta a supportare la promozione, costituzione e gestione di Comunità energetiche e Gruppi di Autoconsumo Collettivo.

Per approfondimenti e per scaricare il decreto

  • Transizione Energetica: risorse e opportunità per la sostenibilità ambientale, economica e sociale